domenica 14 marzo 2010

Primavera: poesie


Un'antichissima primavera

Già sulle rive del fiume ritornano i cavalli,
gli uccelli di palude scendono dal cielo,
dalle cime dei monti
si libera azzurra fredda l'acqua e la vite
fiorisce e la verde canna spunta.
Già nelle valli risuonano
canti di primavera.

(Salvatore Quasimodo)


Anche il mare...

Anche il mare ha la sua primavera:
rondini all'alba, lucciole la sera.
Ha i suoi meravigliosi prati
di rosa e di viola,
che qualcuno invisibile, là, falcia,
e ammucchia il fieno
in cumulo di fresche nuvole.

(C. Govoni)

Sette vasi al balcone

Io metterò di prima primavera
sette vasi di fiori al mio balcone.
Pioggia di marzo,
sole di maggio,
fateli fiorire!
La gente guarderà mattina e sera
la mia casetta col suo bel verone:
sette corolle,
sette baci di sole,
sette inchini alla brezza:
balcone fiorito,
bellezza!

(Gina Vaj Pedotti)

Nessun commento: