lunedì 27 giugno 2011

Mattino d'estate

La parola mare suggerisce l'idea d'infinito

Il mare di silenzio del mattino
si ruppe in un mormorìo
di canti di uccelli.
Sul bordo della strada
i fiori erano tutti felici
e l'oro del sole si spargeva
attraverso una schiarita di nubi.

Rabindranath Tagore

Nessun commento: