venerdì 2 dicembre 2011

Mia madre: C. L.

Mia madre C., è nata il 19 aprile del 1964.
Da piccola viveva a Tortolì con i genitori, con quattro sorelle e due fratelli più grandi di lei.
Era una bambina vivace, allegra e rispettava i genitori come degli dei.
Quando era piccola si divertiva a giocare a biglie nel cortile, con la bardufula e a campana. Si intrufolava fra le sue sorelle maggiori perché era l'ultima di sette figli. Organizzavano un cinema nel sottoscala: creavano il buio con una tenda posizionata su una porta e con un proiettore, spostando dei fotogrammi, facevano muovere dei personaggi da una stanza all'altra.
Da ragazza, ha frequentato le scuole fino alla prima ragioneria.
La mia nascita ha rivoluzionato la sua vita e nei mesi di riposo mi portava al bar, dove lavorava con mio papà, e quando io dormivo lei non mi lasciava e restava al mio fianco.
Lei è una persona perfetta, ha la sua mania di fare tutto, di non rimandare niente. Ha la passione di assaggiare e provare nuove esperienze. Non si è sposata. La sua famiglia siamo io e mia nonna, perché nonno è morto nel 2006.
D'estate lavora in una ludoteca al mare e d'inverno fa le pulizie da una signora.
Mia mamma è un po' antiquata, ma mi va bene così.
 
Giuliano Briozzo

Nessun commento: